Concorsi

Ordine Nazionale Tecnologi Alimentari: concorso per amministrativi

Nuova opportunità di lavoro a tempo indeterminato nel Lazio.

L’Ordine Nazionale Tecnologi Alimentari di Roma ha indetto un concorso per l’assunzione a tempo parziale (15 ore settimanali) di un Operatore Amministrativo – Area B, posizione economica B1.

Sarà possibile candidarsi al bando fino al giorno 24 giugno 2019.

REQUISITI

Possono partecipare al concorso Ordine Nazionale Tecnologi Alimentari i candidati in possesso dei requisiti di seguito riassunti:
– cittadinanza italiana o cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
– avere compiuto 18 anni di età;
– avere la piena idoneità fisica all’impiego, senza pregiudizio dei diritti per le persone disabili riconosciuti ex. I. 104/92;
– diploma di scuola media secondaria di secondo grado di durata quinquennale o titolo equipollente per i cittadini degli stati membri dell’Unione Europea;
– comprovata conoscenza ed esperienza nella gestione dei sistemi informatici e dell’uso del personal computer;
– adeguata conoscenza della lingua italiana (per i cittadini UE non italiani);
– conoscenza di base della lingua inglese;
– possesso della patente di guida B o di patente europea;
– non avere riportato condanne penali e non essere stati interdetti o sottoposti a misure che escludono dalla nomina agli impieghi pubblici;
– non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego o licenziati oppure non essere stati dichiarati decaduti da altro impiego statale per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità insanabile;
– non essere esclusi dall’elettorato politico attivo e non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego o dichiarati decaduti dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
– non essere stati sottoposti a misure di prevenzione e sicurezza;
– non essere destinatari di provvedimenti di interdizione perpetua o temporanea dai pubblici uffici;
– idoneità fisica all’impiego;
– conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse, nonché della Lingua Inglese ad un livello di autonomia, secondo i parametri di classificazione previsti dal Quadro Comune Europeo di Riferimento (QCER).

SELEZIONE

Le procedure selettive si espleteranno attraverso la valutazione dei titoli ed il superamento di due prove d’esame – una scritta ed una orale – vertenti sugli argomenti indicati nel bando.

DOMANDA

Le domande di ammissione al concorso per amministrativi, redatte secondo il seguente MODELLO (Doc 67 Kb), dovranno essere indirizzate al Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari – Via degli Uffici del Vicario, 49 – 00186 – Roma (RM), entro il giorno 24 giugno 2019 secondo una della seguenti modalità:
– consegna a mano all’ufficio protocollo;
– mediante raccomandata con avviso di ricevimento;
– a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo: tecnologialimentari@pec.it.

Alla domanda sarà necessario allegare la seguente documentazione:
– copia fotostatica non autenticata del proprio documento di identità;
– curriculum vitae formativo e professionale, debitamente sottoscritto, dettagliato in formato europeo;
– altri titoli ritenuti utili al fine della valutazione di merito (a pena di mancata valutazione).

Si precisa che la partecipazione al concorso è subordinata al pagamento della tassa di concorso pari a 25 €. Ogni altro dettaglio sulle modalità di presentazione della domanda di ammissione è indicato nel bando che rendiamo disponibile di seguito.

BANDO

Tutti gli interessati al concorso dell’Ordine Nazionale Tecnologi Alimentari sono invitati a leggere con attenzione il BANDO (Pdf 4 Mb), pubblicato per estratto sulla GU n.41 del 24-05-2019.

Link Originale : https://www.ticonsiglio.com/ordine-nazionale-tecnologi-alimentari-concorso-amministrativi/

 

Concorso per Orchestrali, banda musicale Aeronautica

Opportunità di lavoro per Musicisti presso l’Aeronautica Militare.

Il Ministero della Difesa ha indetto un concorso pubblico per la selezione di 5 Orchestrali presso la banda dell’Aeronautica Militare. 

Di seguito, le figure ricercate e i requisiti. La scadenza della domanda di ammissione è fissata al 13 giugno 2019.

CONCORSO BANDA MUSICALE AERONAUTICA

La selezione presso l’Aeronautica Militare è rivolta a 5 orchestrali in grado di suonare i seguenti strumenti musicali:
– n.1 posto per Maresciallo 1^ classe per 1° Clarinetto soprano in Sib n.2 – 1^ parte “B”;
– n.1 posto per Primo Maresciallo per 1° Flicorno tenore in Sib – 1^ parte “A”;
– n.1 posto per Maresciallo 1^ classe per Flicorno basso grave in FA – 2^ parte “A”;
 n.1 posto per per Maresciallo 1^ classe per 1° Flicorno soprano in Sib – 2^ parte “A”;
– n.1 posto per Maresciallo 2^ classe per 2° Tamburo (con l’obbligo degli altri strumenti a percussione) – 3^ parte “B”.

REQUISITI

I candidati al concorso per orchestrali per la banda dell’Aeronautica Militare dovranno possedere i seguenti requisiti al momento della presentazione della domanda:
– cittadinanza italiana;
– aver conseguito o essere in grado di conseguire nell’anno in cui è bandito il concorso, un diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale o quadriennale integrato dal corso annuale previsto per l’ammissione ai corsi universitari;
– godimento dei diritti civili e politici;
– aver compiuto il 18° anno di età e non aver superato il giorno di compimento del 40° anno di età. Il predetto massimo limite di età è elevato di cinque anni per i militari delle Forze Armate e dei Corpi di Polizia in attività di servizio. Per gli orchestrali della banda musicale dell’Aeronautica Militare che concorrono per una parte superiore a quella di appartenenza si prescinde dal limite massimo di età;
– aver conseguito in un conservatorio statale o in altro analogo istituto legalmente riconosciuto il diploma nello strumento o negli strumenti per il/i quale/i concorrono;
– idoneità psicofisica ed attitudinale al servizio incondizionato quale sottufficiale in servizio permanente;
– non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una Pubblica Amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di Pubbliche Amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare, o prosciolto, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze Armate o di Polizia, ad esclusione dei proscioglimenti per inidoneità psicofisica;
– non essere stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, o non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi;
– non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
– aver tenuto una condotta incensurabile;
– non aver tenuto comportamenti nei confronti delle istituzioni democratiche che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
– aver riportato esito negativo agli accertamenti diagnostici per l’abuso di alcool o di sostante stupefacenti, nonché per l’utilizzo di sostanze psicotrope a scopo non terapeutico;
– per i candidati di sesso maschile non aver prestato servizio sostitutivo civile ai sensi dell’articolo 15, comma 7 della Legge 8 luglio 1998, n. 230 a meno che non abbiano presentato apposita dichiarazione irrevocabile di rinuncia allo status di obiettore di coscienza presso l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile non prima che siano decorsi almeno cinque anni dalla data in cui sono stati collocati in congedo, come disposto dall’articolo 636 del Decreto Legislativo 15 marzo 2010, n. 66.

I candidati appartenenti ai ruoli dei Marescialli e Sergenti, al ruolo dei Volontari in servizio permanente e i Volontari in ferma in servizio per partecipare al concorso, dovranno possedere i seguenti ulteriori requisiti:
– non aver riportato sanzioni disciplinari più gravi della consegna nell’ultimo biennio o nel periodo di servizio prestato se inferiore a due anni;
– essere in possesso della qualifica non inferiore a “nella media” o giudizio corrispondente nell’ultimo biennio o nel periodo di servizio prestato se inferiore a due anni.

SELEZIONE

I partecipanti al concorso per orchestrali presso l’Aeronautica Militare dovranno svolgere le seguenti prove e accertamenti:

  • PROVA DI PRESELEZIONE
    Test effettuato solo di fronte alla presenza di un elevato numero di domande di ammissione;
  • ACCERTAMENTO SANITARIO
    I candidati saranno sottoposti ai seguenti accertamenti: visita cardiologica ECG, visita oculistica, visita otorinolaringoiatrica con esame audiometrico, visita psichiatrica, analisi delle urine per la ricerca di sostanze stupefacenti e/o psicotrope, analisi completa delle urine con esame di sedimenti, analisi del sangue, visita di controllo per l’abuso di alcool, visita medica generale, ulteriori indagini per la valutazione clinica e medico-legale.
  • ACCERTAMENTO ATTITUDINALE
    Valutazione dell’efficienza intellettiva, mediante la somministrazione, individuale o collettiva, di uno o più test intellettivi e/o attitudinali. 
    Valutazione psicoattitudinale mediante un colloquio individuale.
  • PROVE PRATICHE DI ESECUZIONE E TEORICHE 
    Esecuzione di brani scelti dai candidati o dalla commissione, nelle modalità riportare sul bando di concorso (allegato H).
  • VALUTAZIONE DEI TITOLI DI MERITO
    Valutazione dei titoli accademici, didattici e professionali dei candidati.

BANDA MUSICALE AERONAUTICA MILITARE

Istituita nel 1937, attraverso un decreto ministeriale del Regno d’Italia, la Banda Musicale dell’Aeronautica Militare include più di 100 musicisti professionisti, diplomati presso i migliori conservatori italiani. I musicisti svolgono la propria attività musicale nei più importanti teatri e auditorium del mondo, e presenziano soprattutto le cerimonie ufficiali dello Stato e quelle della stessa Aeronautica Militare.

DOMANDA

I candidati al concorso per orchestrali potranno presentare domanda di ammissione alla selezione, entro il 13 giugno 2019, tramite l’apposita procedura online presente in questa pagina del portale Concorsi Online del Ministero della Difesa.

Ogni altra informazione sulle modalità di compilazione e invio della domanda di ammissione al concorso per orchestrali dell’Aeronautica Militare è riportata nel bando.

Link Originale: https://www.ticonsiglio.com/concorso-orchestrali-banda-musicale-aeronautica/

 

Comune di Perugia: concorso per 8 Amministrativi

Il Comune di Perugia ha indetto un concorso pubblico per l’assunzione di 8 Istruttori Amministrativi Contabili – Cat C. 

E’ prevista una retribuzione iniziale annua lorda di € 20.198,15.

Sarà possibile candidarsi al bando fino al giorno 27 Giugno 2019.

REQUISITI

Possono partecipare al concorso del Comune di Perugia i candidati in possesso dei seguenti requisiti:
– cittadinanza italiana o di uno degli stati membri dell’Unione Europea o di altre categorie previste dal bando;
– diploma di istruzione secondaria superiore di durata quinquennale; 
– età non inferiore ad anni 18; 
– godimento dei diritti civili e politici; 
– essere in posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva (per i concorrenti soggetti all’obbligo medesimo nati entro il 31.12.1985); 
– non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione oppure licenziati a seguito di procedimento disciplinare o a seguito dell’accertamento che l’impiego venne conseguito mediante produzione di documenti falsi e, comunque, con mezzi fraudolenti; 
– idoneità fisica al servizio.

Si segnala che 1 posto è riservato prioritariamente al personale interno e 3 posti ai volontari delle FF.AA. 

SELEZIONE

Qualora il numero delle domande sia tale da non consentire l’espletamento del concorso in tempi rapidi, l’Amministrazione si riserva a proprio insindacabile giudizio di sottoporre i candidati a una prova preselettiva.

Le procedure selettive si espleteranno attraverso la valutazione dei titoli ed il superamento di due prove d’esame – una scritta ed una orale – vertenti sui seguenti argomenti:
– ordinamento delle autonomie locali con particolare riferimento alle funzioni e ai compiti del Comune e all’ordinamento finanziario e contabile del Comune (D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267); 
– principi generali in tema di Ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche con particolare riguardo alla disciplina del rapporto di lavoro (D.Lgs. 30.3.2001, n. 165); 
– principi di diritto amministrativo con particolare riguardo alle tipologie di atti; 
– principi e nozioni in tema di procedimento amministrativo, accesso, trasparenza e anticorruzione, privacy (L. 241/90, D.Lgs. 33/2013, D.Lgs. 196/2003 e regolamento UE 2016/679); 
– disposizioni in materia di documentazione amministrativa (DPR 28.12.2000, n. 445); 
– responsabilità civile, penale, amministrativa, contabile e disciplinare del pubblico dipendente; 
– nozioni di diritto penale con particolare riguardo ai reati contro la pubblica amministrazione; 
– principi e nozioni generali in materia di disciplina sulla sicurezza sui luoghi di lavoro con particolare riferimento alla gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/2008); 
– codice di comportamento del Comune di Perugia;
– verifica della conoscenza della lingua inglese e dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.

DOMANDA

Le domande di ammissione al concorso per Amministrativi dovranno essere inviate esclusivamente online alla seguente pagina entro il 27 Giugno 2019.

Alle domande online sarà necessario allegare la seguente documentazione:
– ricevuta del versamento comprovante l’avvenuto pagamento della tassa di concorso di € 10,00; 
– fotocopia di un documento di identità in corso di validità a pena di esclusione.

Ogni altro dettaglio sulla modalità di presentazione della domanda di ammissione è indicato nel bando che rendiamo disponibile di seguito.

BANDO

Tutti gli interessati al concorso per Amministrativi del Comune di Perugia sono invitati a leggere con attenzione il BANDO (Pdf 242 Kb), pubblicato per estratto sulla GU n.42 del 28-05-2019.

Link Originale: https://www.ticonsiglio.com/comune-perugia-concorso-amministrativi/

 

1 posto operatore amministrativo presso Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari 

Fonte: gazzetta n.41 del 24/05/2019

Titolo di studio: Per qualsiasi diploma

Occupazione: operatore amministrativo

Ente: Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari

Tipo: concorso

Contratto: tempo indeterminato

Luogo: Roma

Scadenza: Domenica, 23 Giugno, 2019

Posti disponibili: 1

E’ indetto concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento di una unita’ di personale di area B, posizione economica B1, profilo professionale di operatore amministrativo, a tempo indeterminato, ed orario di lavoro a tempo parziale quindici ore settimanali, del C.C.N.L. personale non dirigente del comparto funzioni centrali (gia’ enti pubblici non economici), presso il Consiglio dell’ordine nazionale dei tecnologi alimentari.

Scadenza presentazione domanda: trenta giorni a decorrere dal giorno successivo dalla data di pubblicazione del presente avviso, per estratto, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami». Qualora tale termine venisse a scadere in giorno festivo, si intendera’ prorogato al primo giorno non festivo immediatamente seguente.

Il testo integrale del bando e’ pubblicato nel sito web del Consiglio www.tecnologialimentari.it – sezione Amministrazione trasparente (sotto-sezione Documenti allegati).

Contatta l’ente: 

SEDE LEGALE c/o Ministero della Giustizia Via Arenula, 70 – 00186 Roma Tel +39 06 6885 2246/2306 Fax +39 06 6889 7455 — SEDE OPERATIVA Via degli Uffici del Vicario, 49 – 00186 Roma Tel +39 06 6991650 info@tecnologialimentari.it tecnologialimentari@pec.it — www.tecnologialimentari.it

Dove va spedita la domanda: 

Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari, Via degli Uffici del Vicari, 49 – 00186 Roma RM PEC tecnologialimentari@pec.it

Prove d’esame: 

Una prova scritta e una prova orale sulle materie d’esame.

Indirizzo originale: https://www.concorsipubblici.com/concorso-192684-operatore-amministrativo-roma-consiglio-dellordine-nazionale-dei-tecnologi-alimentari.htm

 

1 posto istruttore amministrativo presso COMUNE DI LATERA 

Fonte: gazzetta n.41 del 24/05/2019

Titolo di studio: Per qualsiasi diploma

Occupazione: istruttore amministrativo

Ente: COMUNE DI LATERA

Contratto: part time

Luogo: Viterbo

Scadenza: Domenica, 23 Giugno, 2019

Il Comune di Latera, con determinazione del responsabile dell’area amministrativa n. 55 del 26 aprile 2019 ha indetto un concorso pubblico per la copertura a tempo parziale (diciotto ore settimanali) ed indeterminato di un posto di istruttore amministrativo, categoria C, posizione giuridica ed economica iniziale C1.

Scadenza presentazione domande: entro il termine perentorio di trenta giorni decorrenti dal giorno successivo alla data di pubblicazione del presente estratto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi».

Le domande di ammissione devono pervenire entro il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del presente estratto:

  • tramite servizio postale, in plico chiuso spedito a mezzo raccomandata A/R o con plico recapitato dalle agenzie di spedizione autorizzate al seguente indirizzo: Comune di Latera, piazza della Rocca n. 1 – 01010 Latera (VT.) Si precisa che non fara’ fede la data del timbro dell’ufficio postale accettante ma unicamente la data di accettazione all’ufficio protocollo dell’ente;
  • consegna a mano all’ufficio segreteria e protocollo del Comune di Latera (aperto dal lunedi’ al sabato dalle ore 10,00 alle ore 13,00);
  • tramite posta elettronica certificata (PEC) di cui il candidato e’ titolare all’indirizzo: comune.latera.vt@legalmail.it

Le comunicazioni relative alla sede delle prove d’esame e al calendario delle prove stesse, saranno rese note mediante pubblicazione, con valenza di notifica a tutti gli effetti nella sezione «Albo pretorio on-line» del sito internet istituzionale www.comune.latera.it, nella sezione «Amministrazione trasparente – Bandi di concorso».

Il bando integrale e’ pubblicato nella sezione «Albo pretorio on-line» del sito internet istituzionale www.comune.latera.it, nella sezione «Amministrazione trasparente – Bandi di concorso».

Per ulteriori informazioni rivolgersi agli uffici del Comune di Latera, piazza della Rocca n. 1 – 01010 Latera (VT); telefono 0761459041 – 0761459785; e-mail: zapponi@comune.latera.v.it

Contatta l’ente: 

Uffici del Comune di Latera, piazza della Rocca n. 1 – 01010 Latera (VT); telefono 0761459041 – 0761459785; e-mail: zapponi@comune.latera.v.it www.comune.latera.it

Dove va spedita la domanda: 

Comune di Latera, piazza della Rocca n. 1 – 01010 Latera (VT) PEC comune.latera.vt@legalmail.it

Prove d’esame: 

La preselezione consisterà in quesiti a risposta multipla sulle materie delle prove d’esame, ad eccezione della lingua straniera. — 1^ Prova scritta teorico-dottrinale: elementi di diritto amministrativo e/o costituzionale. 2^ Prova scritta pratico-attitudinale: gli atti amministrativi, perfezione, validità ed efficacia – elementi di giustizia – l’ordinamento comunale: funzioni del comune – organi del comune – controllo sui comuni. 3^ Prova orale: colloquio tendente ad approfondire le conoscenze del candidato sulle materie di cui alle prove precedenti – ordinamento e funzioni dello stato e degli enti locali con particolare riferimento ai comuni – stato giuridico dei dipendenti pubblici – nozioni di diritto civile, penale (codice penale, libro II, titoli II e VII); leggi elettorali; la responsabilità di pubblici ufficiali; legislazione sociale. Oltre al colloquio, la prova orale comprende una prova per l’accertamento della conoscenza della lingua Inglese, che potrà consistere anche in un colloquio e/o in una traduzione di un testo scritto fornito dalla Commissione, nonché una prova per l’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse, che potrà prevedere anche l’utilizzo di strumenti informatici.

Indirizzo originale: https://www.concorsipubblici.com/concorso-192595-istruttore-amministrativo-viterbo-comune-di-latera.htm

 

GAZZETTA UFFICIALE – CONCORSI ED ESAMI

Link per consultare i Concorsi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n. 30 del 16-4-2019 

https://www.gazzettaufficiale.it/gazzetta/concorsi/caricaDettaglio?dataPubblicazioneGazzetta=2019-04-16&numeroGazzetta=30&elenco30giorni=true

2 istruttore amministrativo presso COMUNE DI VETRALLA 

 Fonte: gazzetta n.36 del 07/05/2019

Titolo di studio: Per qualsiasi diploma

Ente: Comune di Vetralla

Contratto: part time

Luogo: Viterbo

Scadenza: Giovedì, 6 Giugno, 2019

Posti disponibili: 2

Selezione pubblica per la copertura di due posti di istruttore amministrativo, categoria C, a tempo indeterminato e part-time al 50%. (GU n.36 del 7-5-2019)

E’ indetta procedura selettiva pubblica per la copertura a tempo indeterminato di due posti di categoria C – istruttore amministrativo, con contratto part-time al 50%.

Termine di scadenza per la presentazione delle domande: trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami».

La domanda di ammissione alla procedura selettiva deve essere redatta secondo lo schema allegato al testo integrale dell’avviso.

Il testo integrale dell’avviso di selezione con l’indicazione di tutti i requisiti e delle modalita’ di partecipazione alla procedura, nonche’ il fac-simile della domanda di ammissione in formato word, sono pubblicati sul sito istituzionale www.comune.vetralla.vt.it

La copia del bando e del fac-simile di domanda sono scaricabili dal sito comunale e sono disponibili presso l’ufficio segreteria del Comune di Vetralla – tel. 0761/466928.

Dove va spedita la domanda: 

  1. La domanda, redatta in carta semplice, esclusivamente secondo lo schema allegato, indirizzata al Comune di Vetralla, Piazza Umberto I, 1, 01019 – Vetralla (VT) dovrà essere spedita con raccomandata A.R. ovvero trasmessa via PEC all’indirizzo comune.vetralla@legalmail.it oppure consegnata a mano all’ufficio protocollo del Comune di Vetralla,

Prove d’esame: 

  1. L’esame consisterà in due prove scritte ed una prova orale. 2. Per la valutazione di ciascuna delle tre prove la commissione giudicatrice dispone di un punteggio massimo di 30 punti. 3. La prima prova scritta, consentirà al candidato di esprimere la preparazione ed il livello di conoscenza e di approfondimento degli aspetti teorico-dottrinali relativi alle materie stabilite per tale prova. A scelta della Commissione, consisterà nella soluzione di più quesiti a risposta sintetica e/o di uno o più quesiti a risposta multipla e/o nella stesura di una relazione/elaborato, sulle materie oggetto del programma di esame. – max 30,00 punti. 4. La seconda prova scritta consentirà al candidato di esprimere il livello di preparazione teorico- pratica attraverso la soluzione di quesiti richiedenti una o più risposte a carattere espositivo, contributi ed elaborazioni di carattere pratico costituiti dalla formulazione di atti amministrativi e/o elaborati tecnici, illustrazioni di procedimenti organizzativi e gestionali, approfondimenti su ipotesi concrete, riferiti ad argomenti tratti dalle materie stabilite per la prova in questione. A scelta della commissione sarà individuato l’oggetto della prova. – max 30,00 punti. 5. La prova orale si articolerà in: a) un colloquio su temi e materie oggetto del programma di esame – max 27,00 punti. b) una verifica della capacità di utilizzo delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse (Word, Excel, Posta elettronica, Internet) che potrà prevedere anche l’utilizzo di strumenti informatici – max 1,50 punti; c) una verifica del livello di conoscenza della lingua inglese che potrà consistere anche in un colloquio e/o in una traduzione di un testo scritto fornito dalla commissione – max 1,50 punti. 6. L’accertamento sia delle conoscenze informatiche che della lingua stranierà sarà valutato con i seguenti criteri: INSUFFICIENTE 0,00 punti SUFFICIENTE 0,25 punti DISCRETO 0,50 punti BUONO 0,75 punti DISTINTO 1,00 punto OTTIMO 1,50 punti. 7. Conseguiranno l’ammissione alla prova orale i candidati che avranno ottenuto in ciascuna prova scritta una votazione di almeno 21 punti su 30. Per i candidati che non abbiano conseguito l’idoneità nella prima prova corretta, non si procederà alla correzione della seconda prova. 8. Dopo la correzione delle prove scritte la commissione procederà all’individuazione dei candidati ammessi/non ammessi alla prova orale. 9. Supereranno la prova orale i candidati che avranno ottenuto una votazione di almeno 21 punti su 30, a condizione che abbiano conseguito almeno la sufficienza sia nell’accertamento delle conoscenze informatiche che nell’accertamento della conoscenza della lingua straniera.

Indirizzo originale: https://www.concorsipubblici.com/avviso-191964-amministrativo-viterbo-comune-di-vetralla.htm

 

15 ricercatore presso MINISTERO DELL’INTERNO 

Fonte: gazzetta n.10 del 05/02/2019

Titolo di studio: Scuola media inferiore

Ente: Ministero dell’Interno

Tipo: concorso – borsa di studio

Contratto: tempo determinato

Luogo: Roma

Scadenza: Lunedì, 30 Settembre, 2019

Posti disponibili: 15

Concorso, per titoli, per il conferimento di quindici borse di studio, per l’anno scolastico/accademico 2018-2019, riservato ai figli ed agli orfani dei segretari delle comunita’ montane, dei consorzi ed unioni di comuni. (GU n.10 del 5-2-2019)

IL CAPO DIPARTIMENTO per gli affari interni e territoriali

Visto l’art. 42 della legge 8 giugno 1962, n. 604;

Visto l’art. 7, comma 5, della legge 29 ottobre 1987, n. 440, che ha istituito un apposito fondo presso il Ministero dell’interno costituito dal 10% dei diritti di segreteria spettanti alle comunita’ montane ed ai consorzi dei comuni per il rogito degli atti e dei contratti di cui all’art. 8 della legge 23 marzo 1981, n. 93;

Visto l’art. 13 della legge 23 dicembre 1993, n. 559;

Visto l’art. 32, comma 5-ter del decreto legislativo 7 aprile 2014;

Considerato che nello stato di previsione della spesa di questo Ministero e’ istituito il cap. 1207/1 «Spese e contributi per le attivita’ sociali, culturali ed assistenziali delle comunita’ montane e dei consorzi di comuni, nonche’ per il funzionamento delle relative commissioni di concorso»;

Ritenuto pertanto che occorre indire il concorso, per titoli, allo scopo di ripartire il fondo di cui sopra attraverso il conferimento di borse di studio, per l’anno scolastico/accademico 2018-2019, a favore dei figli e degli orfani dei segretari delle comunita’ montane, consorzi ed unioni di comuni;

Decreta:

Art. 1

Ai fini del presente decreto si intende: a) per laurea, il titolo universitario rilasciato ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera a) del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca 22 ottobre 2004, n. 270; b) per laurea magistrale, il titolo universitario rilasciato ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera b) del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca 22 ottobre 2004, n. 270; c) per corsi di laurea, i corsi di studio al termine dei quali sono rilasciati i titoli di cui alla precedente lettera a): d) per corso di laurea magistrale, il corso di studio al termine del quale e’ rilasciato il titolo di cui alla precedente lettera b). Art. 2

Indizione del concorso e ripartizione delle borse di studio

  1. E’ indetto un concorso, per titoli, per il conferimento di quindici borse di studio, per l’anno scolastico/accademico 2018-2019, ai figli e agli orfani dei segretari appartenenti ai ruoli delle comunita’ montane, consorzi ed unioni di comuni che siano, alla data di scadenza dei termini per l’invio della domanda, in attivita’ di servizio ovvero in posizione di quiescenza. 2. Le borse di studio di cui al comma 1 sono ripartite nelle seguenti sezioni: A) studenti scuole medie inferiori: due da euro 100,00 ciascuna; B) studenti scuole medie superiori: quattro da euro 160,00 ciascuna; C) studenti universita’ (statali o legalmente riconosciute) ed istituti di istruzione superiore equiparati (Conservatorio, Accademia di belle arti, Accademia di arte drammatica, Accademia di danza etc.): una da euro 200,00 ciascuna, per gli iscritti al primo anno di corso di laurea/laurea magistrale; D) studenti universita’ (statali o legalmente riconosciute) ed Istituti di istruzione superiore equiparati (Conservatorio, Accademia di belle arti, Accademia di arte drammatica, Accademia di danza etc.): otto cosi’ ripartite: d1) iscritti agli anni successivi al primo dei corsi di laurea/laurea magistrale: sei da euro 280,00 ciascuna; d2) laureati nell’anno accademico 2018-2019, in possesso del titolo di laurea: una da euro 450,00 ciascuna; d3) laureati nell’anno accademico 2018-2019 in possesso del titolo di laurea magistrale: una da euro 560,00 ciascuna. 3. L’ammontare delle borse di studio non attribuite va a beneficio dei candidati risultati idonei, nei limiti della disponibilita’ di cassa del capitolo 1207/1. Qualora non vi fossero candidati idonei la rimanente somma disponibile verra’ ripartita, in parti uguali, tra tutti i vincitori del concorso, sempre nei limiti della disponibilita’ di cassa. 4. Il premio verra’ erogato ai vincitori mediante accredito sul c/c bancario o postale. Art. 3

Cause di inammissibilita’

  1. Non sono ammesse le domande degli studenti di cui all’art. 2, comma 2, lettere A) e B) che abbiano frequentato da ripetenti l’anno scolastico 2018-2019 e che non abbiano conseguito, nello stesso anno, la promozione senza debiti formativi alla classe o al corso successivo, riportando una votazione media non inferiore a 7. 2. Non sono ammesse le domande degli studenti di cui all’art. 2, comma 2, lettera C), che abbiano conseguito il diploma di scuola media superiore nell’anno scolastico 2017-2018 da ripetenti e che abbiano riportato nell’esame di Stato una votazione inferiore a 70/100 e di quelli che non abbiano sostenuto piu’ di un esame previsto dal proprio piano di studio per l’anno accademico 2018-2019; 3. Non sono ammesse le domande degli studenti di cui all’art. 2, comma 2, lettere C) e D-d1), che abbiano riportato negli esami sostenuti relativi al proprio piano di studio dell’anno accademico 2018-2019 una media inferiore a 24. 4. Non sono ammesse le domande degli studenti di cui all’art. 2, comma 2, lettere D-d2) e D-d3), che, a conclusione del periodo di durata legale prevista dall’ordinamento per gli studi universitari, abbiano conseguito una votazione nell’esame di laurea inferiore a 100/110. 5. Non sono ammesse le domande degli studenti universitari fuori corso. 6. Non sono ammesse le domande dei figli dei segretari comunali e dei segretari titolari del servizio di segreteria di piu’ comuni in convenzione, anche se facenti parte di una comunita’ montana o di un consorzio di comuni, nonche’ i figli dei segretari delle unioni di comuni che non abbiano versato, ai sensi dei citati in premessa, articoli 42 della legge 8 giugno 1962, n. 604e 7, comma 5, della legge 29 ottobre 1987, n. 440e art. 32, comma 5-ter, del decreto legislativo 7 aprile 2014 e gli appartenenti ai ruoli di altre pubbliche amministrazioni. Sono, altresi’, esclusi gli studenti di istituti di qualsiasi ordine e grado la cui retta, per l’anno 2018/2019, sia interamente a carico della pubblica assistenza. Art. 4

Modalita’ di presentazione delle domande

  1. La domanda di partecipazione al concorso, predisposta utilizzando i modelli allegati al presente decreto, puo’ essere presentata per una sola sezione e deve essere trasmessa mediante posta elettronica certificata, all’indirizzo utgautonomie.personaleentilocali@pec.interno.it ovvero mediante raccomandata con avviso di ricevimento, entro il termine del 30 settembre 2019, indirizzata al Ministero dell’interno – Dipartimento per gli affari interni e territoriali – Direzione centrale per gli uffici territoriali del Governo e per le autonomie locali – Ufficio VII – Affari degli enti locali. A tal fine, fa fede il timbro a data dell’ufficio postale accettante, nonche’ la data d’invio della posta elettronica certificata. 2. Non saranno prese in considerazione le domande presentate oltre i termini previsti dal comma precedente, ovvero ad un indirizzo di posta elettronica certificata diverso da quello espressamente indicato. 3. La domanda deve essere sottoscritta dal genitore-segretario di comunita’ montana, consorzio o unione di comuni in attivita’ di servizio o in posizione di quiescenza o da chi esercita la potesta’ genitoriale o la tutela, se il candidato e’ minorenne o orfano, o dal candidato medesimo, se maggiorenne. 4. Nella domanda deve essere espressamente dichiarato che il candidato non si trova in alcuna delle condizioni di inammissibilita’ al concorso previste dall’art. 3 del presente decreto e che il medesimo, ai sensi della legge 31 dicembre 1996, n. 675e successive modificazioni e integrazioni, autorizza l’Amministrazione al trattamento dei dati, ai soli fini dello svolgimento della presente procedura concorsuale. Deve, inoltre, essere specificata la denominazione e l’indirizzo dell’istituto frequentato nell’anno 2018/2019 e, per gli iscritti al primo anno di universita’ o equiparati, anche la denominazione ed indirizzo relativo all’istituto presso il quale si e’ conseguito il diploma di scuola media superiore. 5. La domanda deve essere corredata dalla seguente documentazione: a) autocertificazione del genitore da cui risulti che il candidato e’ figlio di segretario generale di una comunita’ montana, consorzio o unione di comuni in servizio o in posizione di quiescenza, con l’indicazione, in tal caso, dell’ultima sede e dell’ultimo anno di servizio. Nel caso di candidato minorenne orfano, la dichiarazione sara’ resa da chi esercita la potesta’ genitoriale o la tutela (modello 1); b) autocertificazione relativa alle valutazioni di merito (modello 2): per i candidati di cui alle lettera A) e B) dell’art. 2, comma 2: autocertificazione della votazione, conseguita nelle singole materie dal candidato, nell’anno scolastico 2018-2019; per i candidati di cui alla lettera C) dell’art. 2, comma 2: autocertificazione della votazione conseguita in sede di esame di Stato nonche’ degli esami sostenuti con le relative votazioni conseguite nel primo anno di corso universitario; per i candidati di cui all’art. 2, comma 2, lettera D): d1) autocertificazione relativa agli esami sostenuti con le relative votazioni conseguite nell’anno accademico 2018-2019; d2) e d3) autocertificazione relativa alla votazione conseguita per l’esame finale; c) copia del piano di studio approvato dalla facolta’ frequentata dai candidati di cui all’art. 2, comma 2, lettere C e D; d) modello ISEE 2018; e) indicazione della modalita’ di pagamento prescelta (modello 3); f) fotocopia di un documento di identita’ del sottoscrittore, in corso di validita’. Art. 5

Commissione per la formulazione delle graduatorie

  1. Con successivo decreto ministeriale, secondo i criteri di cui all’art. 1 del decreto ministeriale n. 8803 del 9 giugno 2017, e’ nominata la commissione che provvedera’ alla formulazione di distinte graduatorie per ciascuna delle sezioni previste dall’art. 2 del presente decreto. 2. La commissione di cui al comma 1 attribuisce il punteggio ai candidati per la sezione di cui all’art. 2, comma 2, lettere A) e B), sulla base della media aritmetica delle votazioni conseguite da ciascuno di essi, con esclusione delle votazioni conseguite in religione o materie alternative ed educazione motoria. L’attribuzione del punteggio ai candidati per la sezione di cui all’art. 2, comma 2, lettere C) e D-d1) e’ effettuata sulla base del numero di esami sostenuti in rapporto al piano di studio ed, a parita’ di esami, della media aritmetica delle votazioni espresse in trentesimi, ottenute negli esami medesimi. Sono esclusi dal calcolo gli esami che danno luogo ad un giudizio o ad una idoneita’. L’attribuzione del punteggio ai candidati per la Sezione di cui all’art. 2, comma 2, lettere D-d2) e D-d3) e’ effettuata sulla base della votazione conseguita da ciascuno di essi per la prova finale. Per le sezioni di cui all’art. 2, comma 2, lettere C e D-d1), d2) e d3), e’ attribuito specifico punteggio alla lode. Per tutte le sezioni, a parita’ di merito, si tiene conto del modello ISEE 2018. 3. La commissione di cui al comma 1 fissa i criteri di equiparazione e di conversione numerica dei voti conseguiti dai candidati e, oltre a quelli gia’ stabiliti dal bando di concorso, ulteriori criteri per la formulazione delle graduatorie – sezione universita’. Art. 6

Disposizioni finali

  1. L’Amministrazione, in ottemperanza alle disposizioni di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, art. 71 (modalita’ dei controlli) verifica, a campione, la veridicita’ delle autocertificazioni prodotte.
  2. La spesa occorrente per l’esecuzione del presente decreto e’ imputata al capitolo n. 1207/1 nello stato di previsione della spesa del Ministero dell’interno.
  3. Il direttore centrale per gli uffici territoriali del Governo e per le autonomie locali e’ incaricato dell’esecuzione del presente decreto, che sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami».
  4. Dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – il bando e gli allegati modelli saranno resi disponibili, in formato elettronico scaricabile, sul portale del Ministero dell’interno all’indirizzo: dait.interno.gov.it parimenti al nominativo dei vincitori del concorso, al termine dell’espletamento dell’iter concorsuale.
  5. L’Amministrazione si riserva di rettificare il presente bando in presenza di eventuali, sopravvenute diverse disposizioni normative.

Roma, 21 dicembre 2018

Il Capo Dipartimento: Belgiorno Allegato

Parte di provvedimento in formato grafico

Contatta l’ente: 

Dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – il bando e gli allegati modelli saranno resi disponibili, in formato elettronico scaricabile, sul portale del Ministero dell’interno all’indirizzo: dait.interno.gov.it

Dove va spedita la domanda: 

La domanda di partecipazione al concorso, predisposta utilizzando i modelli allegati al presente decreto, puo’ essere presentata per una sola sezione e deve essere trasmessa mediante posta elettronica certificata, all’indirizzo utgautonomie.personaleentilocali@pec.interno.it mediante raccomandata con avviso di ricevimento, entro il termine del 30 settembre 2019, indirizzata al Ministero dell’interno – Dipartimento per gli affari interni e territoriali – Direzione centrale per gli uffici territoriali del Governo e per le autonomie locali – Ufficio VII – Affari degli enti locali

Indirizzo originale: https://www.concorsipubblici.com/concorso-borsa-di-studio-187077-ricercatore-roma-ministero-dellinterno.htm

 

Consulente del lavoro presso MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI 

Fonte: gazzetta n.8 del 29/01/2019

Titolo di studio: Giurisprudenza,Economia e Commercio

Occupazione: consulente del lavoro

Ente: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Tipo: avviso

Contratto: tempo indeterminato

Luogo: Tutta Italia

Scadenza: Martedì, 16 Luglio, 2019

Posti disponibili: 1

Indizione della sessione annuale degli esami di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di consulente del lavoro – anno 2019. (GU n.8 del 29-1-2019)

IL DIRETTORE GENERALE dei rapporti di lavoro e delle relazioni industriali

Vista la legge 11 gennaio 1979, n. 12, recante «Norme per l’ordinamento della professione di consulente del lavoro»;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, «Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa»;

Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni, recante «Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi»;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 7 agosto 2012, n. 137, «Regolamento recante la riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell’art. 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge14 settembre 2011, n. 148»;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 febbraio 2014, n. 121, «Regolamento di organizzazione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali» e il decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 4 novembre 2014, di attuazione del richiamato decreto del Presidente del Consiglio dei ministri;

Visti l’art. 1 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 149, recante «Disposizioni per la razionalizzazione e la semplificazione dell’attivita’ ispettiva in materia di lavoro e legislazione sociale, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183», che prevede l’istituzione, ai sensi dell’art. 8, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, di una Agenzia unica per le ispezioni del lavoro;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri in data 23 febbraio 2016, recante: «Disposizioni per l’organizzazione delle risorse umane e strumentali per il funzionamento dell’Agenzia unica per le ispezioni del lavoro»;

Visto altresi’ il decreto del Presidente della Repubblica 26 maggio 2016, n. 109, «Regolamento recante approvazione dello statuto dell’Ispettorato nazionale del lavoro»;

Acquisito il concerto con i Ministeri della giustizia e dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca in sede di Conferenza dei servizi riunitasi, ai sensi degli articoli 14 e seguenti della legge n. 241 del 1990, presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali il 20 dicembre 2018 per l’approvazione del presente decreto contenente, ai sensi dell’art. 3, ultimo comma, della legge n. 12 del 1979, le modalita’ e i programmi degli esami di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di consulente del lavoro, per l’anno 2019;

Tenuto conto, altresi’, che alla Conferenza dei servizi del 20 dicembre 2018 ha partecipato anche il rappresentante dell’Ispettorato nazionale del lavoro, al fine di garantire la necessaria collaborazione degli ispettorati territoriali individuati come sede d’esame nonche’ il regolare svolgimento e gli adempimenti conseguenti alle prove di abilitazione, sulla base di quanto previsto nella convenzione del 9 agosto 2018 stipulata tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l’Ispettorato nazionale del lavoro;

Ausili ed altre esigenze per le prove d’esame

  1. I candidati con disabilita’ possono sostenere le prove con gli ausili e i tempi aggiuntivi necessari in relazione alla specifica disabilita’, ai sensi dell’art. 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Tale condizione deve essere rappresentata nella domanda di ammissione, con l’indicazione del tipo di supporto richiesto. 2. Alla candidata che necessiti di un periodo per allattamento potranno essere assegnati tempi aggiuntivi per lo svolgimento delle prove, di durata pari al periodo stesso. Tale esigenza dovra’ essere tempestivamente rappresentata alla commissione esaminatrice. Art. 6

Valutazione dei candidati

  1. Ai fini della valutazione del candidato ciascun componente della commissione esaminatrice puo’ attribuire fino a dieci punti per ogni prova scritta e per ogni materia o gruppo di materie della prova orale. 2. Il punteggio per ciascuna prova scritta e per ciascuna materia o gruppo di materie della prova orale si ottiene dividendo la somma dei punti assegnati al candidato per il numero dei componenti l’intera commissione esaminatrice. 3. Sono ammessi alla prova orale i candidati che abbiano conseguito almeno sei decimi in ciascuna prova scritta. 4. Sono dichiarati abilitati coloro che hanno conseguito almeno sei decimi in ciascuna materia o gruppo di materie della prova orale. Art. 7

Disposizioni finali

  1. Per quanto non previsto dal presente decreto, si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 1957, n. 686, recante «Norme di esecuzione del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato» e successive modificazioni, nonche’ dal decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, «Regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalita’ di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi» e successive modificazioni.

Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, nonche’ sul sito internet istituzionale del Ministero del lavoro e delle politiche sociali all’indirizzo: www.lavoro.gov.it

  • Roma, 16 gennaio 2019

Il direttore generale: De Camillis Allegato 1

Contatta l’ente: 

Il presente decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, nonché sul sito internet istituzionale del Ministero del lavoro e delle politiche sociali all’indirizzo: www.lavoro.gov.it.

Dove va spedita la domanda: 

  1. La domanda di ammissione all’esame di Stato, sulla quale deve essere apposta una marca da bollo del valore di euro 16,00 (sedici/00), redatta secondo il fac-simile allegato al presente decreto (Allegato 1), deve essere sottoscritta dal candidato e presentata, a pena di inammissibilità, entro il termine perentorio del 16 luglio 2019 agli Ispettorati del lavoro territorialmente competenti, nonché presso la Regione Sicilia – Dipartimento Regionale del Lavoro, dell’Impiego, dell’Orientamento, dei Servizi e delle Attività Formative e le Province autonome di Bolzano – Ufficio tutela sociale del lavoro e di Trento – Servizio lavoro. 2. Si considerano prodotte in tempo utile le domande spedite a mezzo raccomandata postale con avviso di ricevimento entro il medesimo termine del 16 luglio 2019. A tal fine fanno fede il timbro e la data dell’Ufficio postale accettante.

Prove d’esame: 

Le prove d’esame avranno luogo presso gli Ispettorati interregionali del lavoro di Milano, Venezia, Roma e Napoli, presso gli Ispettorati territoriali di Ancona, Aosta, Bari, Bologna, Cagliari, Campobasso, Firenze, Genova, L’Aquila, Perugia, Potenza, Reggio Calabria, Torino e Trieste nonche’ presso la Regione Sicilia – Dipartimento regionale del lavoro, dell’impiego, dell’orientamento, dei servizi e delle attivita’ formative e le Province autonome di Bolzano – ufficio tutela sociale del lavoro e di Trento – servizio lavoro.

Indirizzo originale: https://www.concorsipubblici.com/avviso-186770-consulente-del-lavoro-tutta-italia-ministero-del-lavoro-e-delle-politiche-sociali.htm